GiocaSorridiMangia

Avventure di una mamma blogger


12 commenti

Le mie TEA EGGS per il Club del 27

Mio figlio da grande potrebbe diventare un “naso”, ed inventerebbe certamente profumi che a Marsiglia gli invidierebbero..non fosse altro che per il fatto di esserne così tanto innamorato, ed in particolare quelli delle spezie. Questo per lui è il periodo dell’anice stellato, per esempio. Va letteralmente a caccia di questa spezia e quando passa dalla nostra Erboristeria, ne fa incetta, al punto che devo tenere i vasi sottochiave o dirgli che l’ho venduto tutto…

Per questo motivo, quando ho visto la ricetta di cui vi parlo oggi su The perfect egg è stato un attimo decidere di realizzarla, perché racchiude nella sua semplicità tutto ciò che lui ama, le uova sode e gli aromi delle spezie… Questo libro che prendiamo in “esame” con il Club del 27 è un vero capolavoro sull’uovo, ci sono uova fatte in tutti i modi che vi invito di leggere sul sito dell’Mtchallenge.

29594988_10215318198655576_4288701872968885159_n

Credits to Mai Esteve -Il colore della curcuma

Sul mio blog trovate le TEA EGGS, uova cotte e decorate in un infuso profumato di cannella, anice stellato e così via. Spero vi piacerà nella sua semplicità, ma badate: l’esecuzione richiede un po’ di pazienza e delicatezza. Dal bel impatto visivo, anche se la foto non rende giustizia, ho avuto dei problemi con la macchinetta…

KODAK Digital Still Camera

TEA EGGS

Liberamente tradotto da “The Perfect Egg” di Teri Lyn Fisher

Ingredienti

12 uova

1 lt di acqua

1 bicchiere di salsa di soia*

50 g di tè Oolong in foglie

3 frutti di anice stellato

2 stecche di cannella

una buccia d’arancia, di almeno 8 cm larga e 2,5 lunga

10 g di zucchero

*la salsa di soia normalmente contiene glutine, perciò se volete realizzare questa ricetta in modo che sia adatta alle persone celiache, dovete acquistarne una dichiaratamente gluten free.

Procedimento

Portare l’acqua a bollore in una casseruola. Con un mestolo scanalato per evitarne la rottura, immergere delicatamente le uova in acqua. Portare nuovamente l’acqua a leggero bollore e cuocere le uova per 5 minuti. Rimuovere dal fuoco. Usando un mestolo, rimuovere le uova dall’acqua e tenere l’acqua da parte nella pentola stessa. Lasciar raffreddare le uova abbastanza da poter essere maneggiate. Col manico di un cucchiaio, colpire su tutta la superficie il guscio di ciascun uovo per formare delle crepe. Aggiungere all’acqua messa da parte la salsa di soia, la cannella, l’anice stellato,le zeste, il tè e lo zucchero e poi mescolare il tutto. Rimettere le uova nell’infuso, posizionare sul fuoco, riportare lentamente a bollore e cuocere per 10 minuti. Rimuovere dal fuoco e coprire la pentola, lasciando riposare le uova da 6 a 10 ore. Più le uova riposeranno, più deciso sarà il loro sapore. Toglierle dall’infuso. Queste uova possono essere servite calde oppure fredde. Ad ogni modo, vanno sbucciate subito prima di essere servite. Per servirle calde, metterne alcune (ancora col guscio) in un contenitore termico, ricoprire con dell’acqua bollente e chiudere la pentola. Lasciare lì le uova per 10 minuti, toglierle dall’acqua, pulirle e servirle. Quelle che avanzano, con tutto il guscio, possono essere conservate in frigorifero, ben chiuse in un contenitore ermetico.

26804115_1666525040074871_376345731_n

Annunci


4 commenti

Un tè on the road con madeira cake e biscottini ripieni per l’MTC 71.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tutti a bordo, si parte! Mi porto appresso tutta la community: direzione Paradiso Bath…Valeria ci invita tutti a bere un tè con lei, però vuole farlo preparare a noi. Io la mia proposta l’ho già fatta,ma approfitto della magnanimità della Redazione che concede di partecipare, questo mese con due proposte.

Siccome siamo nel week-end ed è ufficialmente iniziata la stagione delle scampagnate, il tè è nel camper.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Iniziamo dal tè. In questa seconda proposta vi parlo di una collezione di infusi, gli Infusi Positivi che sono realizzate con delle piante raccolte manualmente nel loro tempo balsamico e scelte per infondere Fiducia, Amore, Serenità, Amicizia, Allegria oppure Speranza. Io ho scelto la parola Fiducia, composta da foglie di tè verde e scorze di mandarino (Citrus nobilis Lour.). Gustatelo con me e lasciatevi trasportare dalle note positive.

Infuso

200ml acqua minerale bollente (basso residuo fisso e poco sodio)

1 cucchiaio di miscela della Fiducia in foglie

Tempo: da 5 a 10 minuti

Zuccherare a piacere.

Madeira cake senza glutine

ispirata ad una ricetta da Salt is Essential di Shaun Hill

letta qui e realizzata senza glutine.

 

170 g di burro non salato, a temperatura ambiente + per imburrare lo stampo
170 g di zucchero semolato
la scorza grattugiata di 1 arancia ed un limone + un cucchiaio di succo di limone
4 uova (per me 3 grandi)
170 g x2 di mix senza glutine per dolci già zuccherato
un cucchiaino scarso di lievito in polvere
un pizzico di sale
Preriscalda il forno a 170°/150° ventilato. Imburra uno stampo da 225 g.
Monta a crema il burro con lo zucchero e le scorze degli agrumi – un robot da cucina o uno sbattitore elettrico andranno benissimo – quindi aggiungi le uova, una alla volta.
Per ultimo, aggiungi il succo del limone, la farina, il lievito ed il sale.
Versa a cucchiaiate l’impasto nello stampo preparato e cuoci per c.ca 1 ora.
Lascia raffreddare per un poco prima di trasferire la torta su una gratella.

Ho scelto questa cake per capire come realizzare una 4/4 senza glutine e penso di averci azzeccato. Il nome Madeira rimanda al vino molto amato dagli Inglesi, infatti la torta nacque per accompagnarlo, ma vi dirò che sta benissimo anche con questo infuso dal retrogusto amarognolo. Diventò poi a pieno titolo un dolce apprezzato nella pasticceria inglese insieme alle altre Sponge.

Per aggiungere un’altra categoria ho azzardato una preparazione glutinosa -così non perdo la mano con le farine 00- e ho scelto di dare un tocco personale con questa ricetta della famiglia di mio marito, i “calzoncelli”…dei biscottini di frolla ripieni di crema alle nocciole. Gradite? Per la ricetta, ringraziamo mia suocera 😉

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Biscottini ripieni di crema alle nocciole.

1 kg di farina 00

300 g di burro o olio di mais

100 g di zucchero semolato

4 uova grandi

1 cucchiaino di lievito

buccia di un limone

Farcia

Crema di nocciole

Lavorare le uova con lo zucchero, aggiungere la farina, il lievito e la buccia grattugiata di un limone. Quando l’impasto sarà liscio e sodo, stenderlo quanto più sottile e iniziare a farcire con la crema di nocciole, distanziando bene i mucchietti.

Ricoprire con altra frolla e su ogni mucchietto, staccare un biscotto con lo stampo.

Preriscaldare il forno a 180°C, infornare e cuocere per 10/15 minuti. Questi biscotti si conserverebbero a lungo, se non fosse che finiscono prima.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Con questa seconda proposta partecipo alla sfida sul tè MTC 71!!

banner_sfidadelmese_71-1024x489

 


6 commenti

Muffins al thè nero e farina di ceci.

<<il cielo è così strano, quasi solido>>

(dal film Il thé nel deserto)

Port e Kit Moresby sono i protagonisti de “Il thè nel deserto” film del 1990 regia di Bertolucci, tratto dal romanzo omonimo di Paul Bowles…ho scelto questa frase, tra le tante possibili, perché i muffins di oggi hanno proprio quella consistenza di quel cielo quasi solido che mi sono sforzata prima di immaginare e poi ho realizzato, credo ^.^

Fondamentale la farina di ceci, sia perché volevo ottenere un colore da deserto, per ovvi motivi, sia per creare una consistenza in qualche modo soffice ma di sostanza…un vero peccato non potervene offrire uno!

Francy mi ha ispirata a tal punto che, lontano da ogni mia aspettativa, son riuscita a bissare l’MTC di novembre, questa volta con una preparazione salata, ma allo stesso tempo neutra.

L’altro ingrediente caratterizzante è il thè nero, sia perché è nel titolo del film, sia perché avendolo già utilizzato in altre preparazioni,sapevo che mi avrebbe aiutata ad ottenere un impasto un po’ più liquido (non trovo la parola esatta, uff)… ma è giunta l’ora di elencarvi tutti gli ingredienti (noterete molto colore giallo, per richiamare l’ambiente del deserto sahariano).

E spero vi piacciano.

Ingredienti per 6 muffins

Farina di ceci 50 g

olio e.v.o. 25 g

timo secco 1 cucchiaino

1 patata gialla lessa (peso a crudo 65 g)

sale q.b.

latte 80 g

1 filtro di thè nero concentrato (50 ml)

1 uovo intero

lievito per preparazioni dolci e salate senza glutine 7 g

***

Prima di procedere alla preparazione dell’impasto dei muffins, vi consiglio di aromatizzare l’olio, pesando la quantità indicata e mettendola a riposo con un cucchiaino di timo per circa tre ore.

Lessare una patata, pulirla e schiacciarla, mettendola da parte perché si raffreddi. Fate bollire dell’acqua per il thé, riempite una tazzina e mettete in infusione il filtro. Trascorso il tempo necessario, togliete il filtro e fate raffreddare.

Quando tutti questi ingredienti saranno a T ambiente, procedete con la composizione dell’impasto.

Unite la patata già schiacciata con l’uovo e l’olio aromatizzato (avendolo filtrato per togliere il timo); successivamente unite il latte e il sale, lavorando con un frullino.

In una ciotola a parte unite la farina di ceci e il lievito,amalgamando con un cucchiaio. Infine, unite la parte liquida e quella secca, ottenendo un impasto liscio ma con qualche grumo e non troppo denso.

Rivestite gli stampi per muffins con dei pirottini di carta; preriscaldate il forno a 180 °C e infornate per almeno 25 minuti, ma potrebbe occorrere qualche minuto di più.

Con questa ricetta

partecipo di nuovo

all’MTC n. 43

perché è stimolante!