GiocaSorridiMangia

Avventure di una mamma blogger


8 commenti

Quinoa con zucchine e cipolle

La quinoa è un cereale antichissimo, come vi avrò raccontato già, ma personalmente è entrata di diritto nella mia dispensa nell’ultimo anno, conseguentemente alla celiachia del mio bimbo. La uso più che altro come “diversivo” visto che dal grano, al kamut, al bulgur, molti gustosi cereali ci sono “stati proibiti per sempre”…anche io e mio marito, infatti, abbiamo scelto il gluten free, di conseguenze e senza rimpianti.

Ma oggi torno a parlarvene semplicemente perché ho provato a ripetere una ricetta dello Starbooks, a base di questo azteco alimento.

Il libro in esame si chiama RIVER COTTAGE V E G Every day ed è ricco di proposte “veg”…ad ogni modo l’invito è sempre al senso critico di ciascuno di noi!

Per 4 persone

800 gr di zucchine (a mio avviso ne bastano 400 g)

1 noce di burro

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

3 cipolle affettate finemente

Qualche rametto di timo (solo le foglie)

3 spicchi d’aglio tritati finemente

200 gr di quinoa

Prezzemolo tritato

Succo di un limone

50 gr di pinoli tostati (i miei sono andati bruciati durante un maldestro tentativo di tostatura casalinga)

Sale e pepe

Procedimento 

Tagliare le zucchine a pezzi piccoli . fate sciogliere il burro con l’olio in una padella su fiamma media ; unite le cipolle tritate, le zucchine, il timo, il sale e il pepe. Cuocete per 20/25 minuti ,mescolando di tanto in tanto, fino a quando le zucchine non sono tenere e dorate. Aggiungete l’aglio e cuocete un altro paio di minuti.

Nel frattempo sciacquate la quinoa con acqua fredda corrente , poi cuocetela mettendola in una pentola , coperta di acqua fredda con un pizzico di sale. Portate a bollore, abbassate la fiamma e fate cuocere per 12 minuti circa, in modo che la quinoa sia tenera ma al dente.

Scolate in un colino a maglie sottili fino a rimuovere tutta l’acqua in eccesso.

Aggiungere la quinoa alle zucchine insieme al prezzemolo tritato e al succo di limone, mescolate bene e regolate di sale e pepe.

Servite con i pinoli tostati.

***

QUALCHE CONSIDERAZIONE

Se si tratta di quinoa con zucchine, 800 g di zucchine sono assai…e devo dire che anche le tre cipolle (io ho usato quelle bianche)son troppe. Il pizzico di sale nella quinoa non è sufficiente ad insaporirla, per di più, a dispetto della facilità di questa ricetta (se si è abituati a cuocere la quinoa) mi è successo di tutto, ma proprio di tutto e ve lo dico pure, così, per strapparvi un sorriso: ho aperto il contenitore del pepe dal lato sbagliato e ho ecceduto nella “impepatura”…inoltre ho dimenticato i pinoli nel forno e sono andati letteralmente a fuoco. Che dirvi? La prossima volta sarò più attenta! Tutto sommato, il sapore non era male e l’aggiunta di succo di limone è stata una bella scoperta, perché aiuta la quinoa ad “esprimersi” al meglio….ma non so se l’ho spiegato bene.

PROMOSSA

Con questa ricetta

partecipo

allo Starbooks REDONE di Ottobre


4 commenti

Broken pavlova allo yogurt e mirtilli

 

Oggi vi presento una ricetta di Csaba Dalla Zorza che troverete nel suo libro Bon Marchè, ma siate cauti nell’acquisto, mi raccomando…io personalmente ho preferito provare, grazie al Blog Starbooks e la rubrica Redone, questa pavlova per “sondare” un po’ il terreno..e questo che segue è il procedimento suggerito nel libro e già testato magistralmente qui.

***

80 g di albume

80 g di zucchero superfine

80 g di zucchero a velo

2 cucchiai di zucchero di canna

1 rametto di timo fresco

1 cestino di mirtilli (un sacchetto di bacche di mirtilli rossi e blu, perché non ho trovato quelli freschi)

800 g di yogurt greco

1 cucchiaio di zucchero a velo

Accendi il forno a 110°  tenendo fuori una teglia.

Rivestila di carta forno.

Metti il bianco d’uovo in una ciotola e unisci metà dello zucchero fine e metà dello zucchero a velo. Monta con un frullino elettrico, per circa 10 minuti.

Quando i bianchi saranno montati a neve ferma, setaccia lo zucchero fine e lo zucchero a velo rimasti direttamente sopra la ciotola e incorporali a mano, usando una spatola in silicone e procedendo dall’esterno verso l’interno.

Utilizzando due cucchiai, preleva una dose di meringa e spostala sulla teglia rivestita di carta da forno, precedentemente preparata. Prosegui così, creando circa 8 mucchietti di meringa che appiattirai leggermente con il dorso del cucchiaio per non avere troppe punte. In alternativa, metti la meringa cruda in una sac à poche con bocchetta stellata e usala per creare delle meringhe a spirale. Inforna e cuoci per 70-75 minuti circa. Le meringhe devono asciugarsi restando bianche.

Nel frattempo, scalda sul fuoco una pentola con lo zucchero di canna fatto sciogliere in poca acqua, unendo qualche fogliolina di timo fresco. Porta ad ebollizione e cuoci per 5-7 minuti, sino a che otterrai uno sciroppo appena un po’ denso. Buttaci dentro metà dei mirtilli lavati, cuoci per 30 secondi, poi spegni e togli dal fuoco. Lascia raffreddare.

Al momento di servire, rompi le meringhe nel piatto, copri ciascuna con 2 cucchiai di yogurt greco, irrora tutto con i mirtilli al timo e il loro sciroppo, poi cospargi con i mirtilli freschi tenuti da parte e lo zucchero a velo setacciato.

***

Per predisposizione del mio carattere, sono sempre pronta a mettere in risalto i pregi, in tutti i campi…stavolta è stata dura, perché, intanto, questa ricetta corrisponde ad una classica meringa, e non ad una pavlova, di cui per altro non viene spiegato nulla, neppure il fatto che prenda il nome da una ballerina russa…ma su questo posso sorvolare.

Inoltre, la dose di zucchero è eccessiva, quasi non riuscivo a lavorare gli albumi…perciò il gusto è risultato stucchevolmente dolce! Lo sciroppo è altrettanto dolce ed è stato particolarmente “complicato” intuirne le dosi. I mirtilli freschi qui dove vivo è praticamente impossibile reperirli, ma ho utilizzato queste bacche essiccate  di mirtilli assortiti che sono state una bella scoperta.

Salvo solo l’idea di utilizzare delle meringhe frantumatesi da sé…anche perché devo dire che romperle non è stato un piacere.

B O C C I A T A

senza riserve

Con questa ricetta partecipo al REDONE

di Settembre


10 commenti

Frollini senza glutine alias “parigini” limone e camomilla

La  ricetta che vi propongo oggi, visto il meteo da classico temporale estivo, parla di biscotti ed è tratta dal libro di Csaba Dalla Zorza, Bon Marchè. L’ho scelta per lo Starbooks Redone di Giugno spulciando il super elenco qui .
L’ho rifatta in versione gluten free per necessità e, non avendo trovato un tè matcha in polvere, ma solo in foglie (con cui ho preparato altre delizie) ho optato per la camomilla in polvere, più facilmente reperibile. Scelte “impopolari” ma autentiche.
Non ho questo libro, perciò mi sono completamente affidata al blog di Cristina Vissi d’arte e di cucina, dove la ricetta originale è stata eseguita magistralmente.
Ingredienti per circa 40 biscotti:
440 gr di farina 00  senza glutine
150 gr di zucchero
1 uovo
1 tuorlo
250 gr di burro
1 cucchiaio di scorza di limone (non trattato!)
1 cucchiaio scarso di thé matcha camomilla in polvere
un pizzico di lievito istantaneo per dolci
1 cucchiaio di zucchero a velo, per servire

Metti la farina setacciata e lo zucchero semolato in una ciotola ampia, con una punta di lievito per migliorare la resa dell’impasto senza glutine. Mescolali insieme, poi aggiungi l’uovo e il burro freddo tagliato a pezzetti. Usando solo i polpastrelli, impasta insieme gli ingredienti sino a che otterrai un composto che assomiglia a grosse briciole di pane. Dovresti impiegarci circa 3 – 5 minuti, a seconda della tua abilità (!?)

A questo punto dividi la pasta frolla in due ciotole separate. In una aggiungi la scorza di limone grattugiata fine, nell’altra aggiungi la polvere di thé matcha setacciata al momento con un colino a maglie fini  camomilla.

Impasta le due frolle una alla volta, trasferendole a turno su un piano da lavoro leggermente infarinato e lavorandole brevemente. Incarta ogni frolla in un pezzo di carta da forno (meglio pellicola !) e mettila in frigorifero a riposare per circa 1 ora. Se non vuoi fare i biscotti subito, puoi lasciare la pasta avvolta nella pellicola alimentare (lo dicevo io…) anche per 24-36 ore, ma al momento di stenderla dovrai avere la pazienza di farla ritornare un po’ a temperatura ambiente, perché risulterà dura.

Al momento di fare i biscotti, accendi il forno a 175°C. Stendi la pasta frolla su un piano leggermente infarinato (meglio sopra un foglio di carta da forno) usando un mattarello – devi raggiungere uno spessore di circa 5-7 millimetri. Non troppo sottile, altrimenti i biscotti bruceranno ai bordi.

Se usi gli stampini decorati, prima “timbra” la frolla in più punti, poi ritaglia i biscotti usando un taglia biscotto rotondo dentellato o anche liscio (per me un semplice bicchiere). Posiziona i biscotti tagliati su una teglia rivestita di carta da forno. Procedi così, distanziando i biscotti sulla teglia, sino a che avrai esaurito entrambe le frolle, quella al limone e quella al thé. Rimpasta gli scarti di pasta e ristendila, sino a terminarla tutta, avendo cura di aggiungere farina sul mattarello e sopra il piano solo nella quantità davvero necessaria.

Inforna e cuoci per 12-15 minuti (dipende dallo spessore …e dal forno). I biscotti si devono dorare leggermente. Una volta cotti sfornali, aspetta qualche minuto poi lasciali raffreddare su una griglia. Servili così oppure con un po’ di zucchero a velo sopra.

Mie considerazioni

Non c’è dubbio, in questa ricetta lo “stampino” è il vero valore aggiunto. Infatti ho aspettato di trovarlo per poterla realizzare, lo ammetto! E vi dirò anche dove li ho trovati, perché in realtà sono tre e interscambiabili, oltre alla Torre Eiffel, ci sono altri due monumenti famosi di Parigi. Erano in “omaggio” con un piccolissimi libricino di ricette illustrate, ben 26, scritto in francese (ahimè), copertina rigida, che ho pagato ad un prezzo ragionevole, circa 12 Euro. Ora, non voglio fare troppa pubblicità oltralpe, ma credo che la signora Dalla Zorza potrebbe almeno omaggiare i suoi lettori con dei gadget altrettanto utili…io il suo libro non ce l’ho, e, siccome questa ricetta è PROMOSSA CON DELLE RISERVE…penso che non lo acquisterò. Per tutto il resto c’è Starbooks 😉

 

Con questa ricetta partecipo allo

Starbook Redone di Giugno


6 commenti

Garibaldi Biscuits

Ricetta tratta da: Delia Smith – Delia’s Cakes – Hodder & Stoughton
Questo libro, però non è in mio possesso. Ho fatto riferimento alla ricetta di La Gaia Celiaca,da lei realizzataper lo Starbooks di Novembre ’13 che ho trovato nel fornitissimo elenco di libri già testati. Mi ha colpita il nome di questi biscotti, che mi riporta a mia nonna paterna, classe 1910, per il semplice fatto che si chiamava Anita. La storia di questi biscotti invece è perfettamente descritta nel post che vi ho evidenziato, perciò vi rimando lì per rileggerla. Io sono emozionatissima, da tanto tempo volevo provare un REDONE…ed eccomi, finalmente. E se sbaglio, non importa!
 
Per 12 pezzi
110 g di farina auto-lievitante (io 40 preparato mix farine senza glutine , 20 g amido di mais (¶), 30 g di fecola di patate (¶), 15 g di farina di mais  + 5 g di lievito per dolci (¶))
25 g di burro ammorbidito (io 30 g)
25 g zucchero di canna fine (biologico per me)
2 cucchiai di latte (io 3)

50 g di uvetta(¶)
1 bianco d’uovo leggermente sbattuto
1 pizzico di sale
zucchero semolato (di canna per me) q.b.

Gli ingredienti contrassegnati con il simbolo (¶) possono contenere tracce di glutine, perciò se la ricetta è destinata a persone celiache, come in questo caso,accertarsi controllando l’etichetta o il prontuario AIC, oppure contattando direttamente l’azienda produttrice.

Preriscaldare il forno in modalità statica a 200 °C.
Foderare la teglia con carta forno.

Mettere le farine, il sale e il burro in una ciotola e mescolare con la punta delle dita fino ad ottenere un briciolame fine. Aggiungere lo zucchero di canna, e quindi abbastanza latte da ottenere un impasto sodo che lasci pulita la ciotola.
Trasferire l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata e stendere con il mattarello ottenendo un rettangolo 20 cm X 30 cm [io non ho usato righello]
Spargere sopra metà del rettangolo l’uvetta, ricoprire con l’altra metà di impasto e ristendere con il mattarello ad ottenere nuovamente un rettangolo 20 cm X 30 cm [per me all’incirca].
Rifilare i bordi ottenendo un rettangolo 18 cm X 28 cm, quindi ritagliare piccoli rettangoli 3 cm X 7 cm.
Metterli nella teglia da forno, spennellarli con un po’ di chiara d’uovo e spolverizzare con lo zucchero semolato.
Cuocere nel forno preriscaldato a 200° C a metà altezza per 12-15 minuti.

MIE OSSERVAZIONI:

La T del forno secondo me è troppo alta, perciò sarebbe meglio cuocere a 180°C per max 12 minuti.

Devo dire che chi mi ha preceduto, ha eseguito questa ricetta magistralmente e con tanto di  righello.

Io ho fatto il possibile, ma ho ottenuto una resa inferiore, anzi dimezzata, però se avessi lavorato di più la “sfoglia”, l’avrei spezzata ^.^

Comunque, i biscotti son piaciuti tantissimo.

Da ripetere, perciò RICETTA da PROMUOVERE.

Con questi biscotti partecipo al REDONE di Marzo