GiocaSorridiMangia

Avventure di una mamma blogger


1 Commento

Bianco Mangiare, il lato dolce del Medioevo sul Calendario del Cibo Italiano

Oggi vi parlo di un dolce attualissimo, viste le restrizioni alimentari sempre più frequenti rispetto al glutine, il lattosio e le uova. Il Bianco Mangiare è il dolce giusto per tutti, fatto solo di latte vegetale, amido e una piccola quantità di zucchero bianco, che le persone diabetiche potrebbero facilmente sostituire con la polvere di Stevia.

Ne parla anche Artusi, riportandolo nel suo libro più noto, La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene, dove propone l’utilizzo della colla di pesce. Io vi propongo una versione ispirata al Ricettario Salentino, Cucina Salentina di L. Congedo, dove ho anche trovato la ricetta del latte di mandorle fatto in casa; bisogna partire proprio da qui per realizzare questo dolce delizioso. Seguitemi e non dimenticate di visitare il sito del Calendario, dove troverete notizie e ricette a bizzeffe, in occasione della Giornata Nazionale dedicata a questo dessert.

Latte di mandorle

Ingredienti

100 g di mandorle già pelate

350 ml di acqua calda

un canovaccio di lino grezzo

Con un robot da cucina sminuzzare le mandorle il più possibile e raccoglierle dentro un canovaccio di lino grezzo, annodando con un po’ di spago. Lasciare in infusione in acqua per 4-6 ore e successivamente spremere un paio di volte per far fuoriuscire il latte del tutto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Bianco Mangiare

Ingredienti per 4 persone

300 ml di latte di mandorle

1 cucchiaio di amido di mais o tapioca

50 g di zucchero semolato

buccia di limone

polvere di cannella qb

Stemperare l’amido nel latte di mandorla su fuoco basso e aggiungere lo zucchero, mescolando di tanto in tanto per evitare che si attacchi al fondo della pentola. Quando si sarà addensato, si può servire in ciotola oppure lasciato raffreddare si può sformare. Il dolce si completa con della buccia di limone  e della polvere di cannella, ma può essere accompagnato anche da briciole di meringa alla liquirizia o altro abbinamento, insomma un po’ come vi piace. Io l’ho decorato con della granella di mandorle che avevo messo da parte. Vi garantisco che questo dolce sarà l’unico ricordo del menu che lo ha preceduto, ottimo come dopocena!

logocommunity


8 commenti

Frollosi e marmellata di Goji per il prossimo viaggio a Parigi

DSCF2336

I “Frollosi” sono semplicemente dei frollini  glutinosi, roba che a casa nostra non si vedeva da anni … è un’eccezione preparata esclusivamente per mio marito, che può tranquillamente mangiare glutine, anche perché questi biscotti hanno una funzione ben precisa: fargli da promemoria … guardateli bene, riconoscerete le immagini che ci ho impresso su, grazie a dei timbrini intercambiabili che avevo usato già per altre ricette come questa: portano l’immagine della Torre Eiffel, della Basilica del Sacro Cuore e dell’Arco di Trionfo… giusto!! tutti monumenti unici di PARIGI…<<maritozzo, portami a Parigi!!>>… Approfittando della sfida dell’MTC n. 56, in cui Dani & Juri, del blog Acqua e Menta, hanno voluto lanciare una clamorosa sfida all’ultimo biscotto…io unisco l’utile al dilettevole e vi propongo dei frollini all’olio con della marmellata- home made anche lei- a base di bacche di Goji, per fare il pieno di antiossidanti.

Ingredienti per l’impasto

  • 220 g di farina tipo 0
  • 130 g olio di semi di mais
  • 3 tuorli piccoli
  • un cucchiaino di vaniglia liquida
  • sale fino
  • 100 g di zucchero di canna

 

Ho usato la vecchia planetaria dell’epoca del glutine e ho seguito il procedimento indicato qui, per una frolla senza latticini. Devo dire che non è stato comunque facilissimo…io mi lamento sempre degli impasti gluten free, ma anche fare questa frolla non è stato facile… aggiungi il caldo salentino di Aprile e vedrai.

Cottura a 180°C per 9-11 minuti in forno statico (non il mio, perché lì ci metto solo il gluten free).

Ingredienti per la marmellata di Goji

  • 500 g di bacche (in erboristeria trovate confezioni sottovuoto da 1/2kg)
  • 300 g di zucchero di canna
  • 1 mela a pezzi

Funzionerà??

Ad ogni modo, è la mia seconda proposta per l’MTC di Aprile!!

DSCF2349.JPG

mtc2b56