GiocaSorridiMangia

Avventure di una mamma blogger


Lascia un commento

Una zuppa di rape per il Calendario del Cibo Italiano

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Oggi sul Calendario del Cibo Italiano troverete diversi spunti per consumare al meglio le rape, qui da me le rape sono quelle verdi con le cime e ne avevo disponibili da agricoltura biologica, in particolare una produzione locale e a metro zero.

Niente di meglio di una zuppa calda per riconciliarsi con le basse temperature stagionali.

Perciò ho preparato una corroborante zuppa, aggiungendo del miglio, che è naturalmente privo di glutine, della zucca gialla e delle patate. Buonissima!

Vi lascio la ricetta e scappo a lavoro:

Per una porzione 

300 g di cime di rapa

100 g di zucca gialla a dadini

2 patate var Nicola a dadini

60 g di miglio decorticato

300 ml di acqua, oltre a quella per le rape

cipollotti locali qb

olio evo qb

sale qb

Dopo aver pulito e tagliato tutti gli ortaggi, sbollentare le rape in acqua salate e passare in acqua fredda, scolarle e tenerle da parte. In un tegame far andare i cipollotti con l’olio e aggiungere via via zucca e patate, infine le rape. Versare la quantità di acqua richiesta, già tiepida, e infine aggiungere il miglio.Regolare di sale. Cuocere a fuoco basso per 30 minuti.

Servire calda.

 logocommunity

Annunci


2 commenti

Zuppa semplice

zuppa

Le zuppe calde stanno all’inverno come la copertina sta a Linus…la fantasia non sempre è con me, ma questa minestra, nella sua semplicità, vi stupirà.

Ecco gli ingredienti:

un cespo di lattuga oppure radicchio (come ho fatto io)

1 patata

foglie di sedano

olio evo

un pizzico di noce moscata

una spolverata di parmigiano

 

Pulire le patate e tagliarle a dadini facendole cuocere a parte per dieci minuti. Soffriggere il radicchio tagliato a listarelle insieme al sedano. Aggiungere al soffritto le patate con l’acqua di cottura, coprire con coperchio e cuocere venti minuti. Servire calda con un po’ di noce moscata e parmigiano. Non dimenticate di accompagnare con del pane raffermo a dadini.