GiocaSorridiMangia

Avventure di una mamma blogger

Spaghetti gluten free alla marinara

4 commenti

“Ieri è venuta la signorina di supplenza che è molto buona e pasiente e ha i capelli lunghi e rossi che sembra Rita Eivort, però non è lei”

(Franco P., classe quarta, Piacenza, 1954)

tratto da SPOSERÒ IL PRIMO BANCO A DESTRA

***

L’incipit di questo post è motivato dal fatto che vorrei tanto parlare di quello che sta accadendo nella Scuola italiana in questo momento storico, ma mi rendo conto che non basterebbe un mese solo per elencare tutti i punti da chiarire e poi la votazione ai piani alti della politica si è conclusa poche ore fa..perciò che ve ne parlo a fare?? Eppure mi sta a cuore, come mamma, e come precaria del settore…

Veniamo, piuttosto, al dunque della ricetta, che propongo al MTC di questo mese..ovvero spaghetti  gluten free (di riso e mais) al profumo di cozze conditi con pomodori ciliegino…e ringrazio Paola per questa occasione imperdibile!!

Tra parentesi vorrei sottolineare il fatto che, celiachia o no, lo spaghetto è rimasto il re indiscusso della nostra tavola, sebbene le differenze ci sono, ma basta aver un po’ di pazienza e raggiungerete gli stessi risultati dell pasta di grano duro!!

Ingredienti per due persone

Spaghetti di riso e mais 150 g

aglio 2 spicchi

olio evo qb

pomodori ciliegino freschi

cozze 400 g

origano o timo

Portare a bollore l’acqua per cuocere la pasta, salare aggiungere un goccio d’olio evo e gli spaghetti. Cuocere per il tempo riportato sulla confezione (nb la pasta senza glutine ha tempi di cottura più lunghi e bisogna rispettarli per nn avere brutte sorprese; in questo caso ho messo il timer a 10 minuti).

Nel frattempo, in una padella mettere  poche gocce d’acqua e olio e due spicchi d’aglio, poi aggiungere le cozze crude, dopo averle risciacquate in acqua, su fuoco medio. Aspettare che si aprano, lentamente. Se occorre, si può flambare con del vino bianco. Aromatizzare con del rosmarino oppure timo. Dopo questo passaggio, togliere le cozze dalla padella e tenerle da parte. Non gettare via l’acqua delle cozze, perché una piccola quantità può essere utilizzata, come ho fatto io, per far cuocere i pomodori ciliegino, lavati e tagliati a dadini. Basteranno pochi minuti per ottenere un buon condimento per la pasta, l’importante è non far seccare i pomodori sul fuoco.

Colare gli spaghetti e metterli nella padella insieme ai pomodori, spegnere il fornello, mescolare un po’, aggiungendo anche le cozze, anche senza sgusciarle, per fare prima (!), impiattare subito e servire.

Con questa ricetta partecipo

al MTC n 48

perché mi sta “a cuore”…come la Scuola!

Annunci

Autore: Sonia C.

Tutto ciò che viene dalla mia cucina è cresciuto nel cuore (Paul Eluard)

4 thoughts on “Spaghetti gluten free alla marinara

  1. Io vi ammiro, ammiro il lavoraccio che fate, in quanto insegnanti, in un paese che purtroppo non punta molto su quello che sta alla base degli esseri pensanti: la cultura. Mi sa che ci vogliono come masse ignoranti.. e magari belanti. Vabbè, meglio chiudere questa parentesi, e aprirne una su questo piatto di pasta gluten free. La cosa difficile è proprio raggiungere i risultati che ci si aspetterebe da una pasta di grano duro, partendo da basi ocmpletamente diverse. Ci sei riuscita alla perfezione. E sai che l’abbinamento cozze rosmarino/timo non l’ho mai fatto? E devo dire che mi intriga anche molto. Grazie mille per la ricetta e complimenti 🙂

    • Carissima Paola, sono reduce da una supplenza di quindici giorni…e con questa ricetta mi son voluto sfogare,ma solo un po’…la vita da precaria lascia l’amaro in bocca, delle volte, ma la sceglierei (perché è una scelta) altre mille volte. Grazie per l’attenzione e tra il rosmarino e il timo ti suggerisco il rosmarino, ma non dimenticare l’aglio 😉
      Baci

  2. io me ne sono andata, dalla scuola, lasciando una cattedra vinta con concorso ordinario, dopo diciassette anni di insegnamento. credevo venisse giù il mondo quando ho dato le dimissioni, a neanche 40 anni- e da allora vivo a metà: fra una professione che sento come quella per la quale sono “tagliata” e una scuola che progressivamente mi impediva di insegnare come avrei voluto. In barba ad alunni preparati e adoranti (reciprocamente). Poi ho subìto, da madre, le conseguenze che avevo voluto evitare per me, che si sono abbattute sulla testa di mia figlia. E ora son qui, che guardo a distanza riforme strampalate, che a parole non piacciono a nessuno,ma nei fatti vanno avanti,con la stessa grazia di un caterpillar- e, probabilmente, gli stessi danni.
    E a questo punto ci starebbe bene un “se famo du’ spaghi?”, se non fosse che la tua proposta è molto più che un diversivo: semmai è una consolazione, buona e bella com’è….

    • Ciao Alessandra, inutile dire che la tua scelta è stata davvero coraggiosa! In effetti siamo persone fortunate ad avere una Libera Professione e, di conseguenza, la possibilità di scegliere…c’è chi questa fortuna non ce l’ha e sta vivendo l’attuale situazione con ansia e angoscia. Speriamo bene, per tutti…e allora sì che è il caso di dire “famo do’ spaghi” 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...