GiocaSorridiMangia

Avventure di una mamma blogger

Broken pavlova allo yogurt e mirtilli

4 commenti

 

Oggi vi presento una ricetta di Csaba Dalla Zorza che troverete nel suo libro Bon Marchè, ma siate cauti nell’acquisto, mi raccomando…io personalmente ho preferito provare, grazie al Blog Starbooks e la rubrica Redone, questa pavlova per “sondare” un po’ il terreno..e questo che segue è il procedimento suggerito nel libro e già testato magistralmente qui.

***

80 g di albume

80 g di zucchero superfine

80 g di zucchero a velo

2 cucchiai di zucchero di canna

1 rametto di timo fresco

1 cestino di mirtilli (un sacchetto di bacche di mirtilli rossi e blu, perché non ho trovato quelli freschi)

800 g di yogurt greco

1 cucchiaio di zucchero a velo

Accendi il forno a 110°  tenendo fuori una teglia.

Rivestila di carta forno.

Metti il bianco d’uovo in una ciotola e unisci metà dello zucchero fine e metà dello zucchero a velo. Monta con un frullino elettrico, per circa 10 minuti.

Quando i bianchi saranno montati a neve ferma, setaccia lo zucchero fine e lo zucchero a velo rimasti direttamente sopra la ciotola e incorporali a mano, usando una spatola in silicone e procedendo dall’esterno verso l’interno.

Utilizzando due cucchiai, preleva una dose di meringa e spostala sulla teglia rivestita di carta da forno, precedentemente preparata. Prosegui così, creando circa 8 mucchietti di meringa che appiattirai leggermente con il dorso del cucchiaio per non avere troppe punte. In alternativa, metti la meringa cruda in una sac à poche con bocchetta stellata e usala per creare delle meringhe a spirale. Inforna e cuoci per 70-75 minuti circa. Le meringhe devono asciugarsi restando bianche.

Nel frattempo, scalda sul fuoco una pentola con lo zucchero di canna fatto sciogliere in poca acqua, unendo qualche fogliolina di timo fresco. Porta ad ebollizione e cuoci per 5-7 minuti, sino a che otterrai uno sciroppo appena un po’ denso. Buttaci dentro metà dei mirtilli lavati, cuoci per 30 secondi, poi spegni e togli dal fuoco. Lascia raffreddare.

Al momento di servire, rompi le meringhe nel piatto, copri ciascuna con 2 cucchiai di yogurt greco, irrora tutto con i mirtilli al timo e il loro sciroppo, poi cospargi con i mirtilli freschi tenuti da parte e lo zucchero a velo setacciato.

***

Per predisposizione del mio carattere, sono sempre pronta a mettere in risalto i pregi, in tutti i campi…stavolta è stata dura, perché, intanto, questa ricetta corrisponde ad una classica meringa, e non ad una pavlova, di cui per altro non viene spiegato nulla, neppure il fatto che prenda il nome da una ballerina russa…ma su questo posso sorvolare.

Inoltre, la dose di zucchero è eccessiva, quasi non riuscivo a lavorare gli albumi…perciò il gusto è risultato stucchevolmente dolce! Lo sciroppo è altrettanto dolce ed è stato particolarmente “complicato” intuirne le dosi. I mirtilli freschi qui dove vivo è praticamente impossibile reperirli, ma ho utilizzato queste bacche essiccate  di mirtilli assortiti che sono state una bella scoperta.

Salvo solo l’idea di utilizzare delle meringhe frantumatesi da sé…anche perché devo dire che romperle non è stato un piacere.

B O C C I A T A

senza riserve

Con questa ricetta partecipo al REDONE

di Settembre

Annunci

Autore: Sonia C.

Tutto ciò che viene dalla mia cucina è cresciuto nel cuore (Paul Eluard)

4 thoughts on “Broken pavlova allo yogurt e mirtilli

  1. Grazie mille 😉

  2. Concordo sulla bocciatura, al 100%. Che non parli di Anna Pavlova ci può anche stare, ma non spiegare che la caratteristica principale della pavlova è una meringa croccante fuori e cremosa dentro, no.
    Grazie per averci riprovato! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...